AGC

  • MappaLa Sede

    AGC Communication
    Sede Legale: Via Macanno 38/N
    47923 Rimini

    Sede di Roma: Via Degli Scipioni 252, 00192, Roma

     

    Dove Siamo

    I Nostri Recapiti

    Fisso: (+39) 
    Mobile: (+39) 3663960910
    Fax: (+39)

    Email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
    Skype: AGC communication
    P.IVA: 03994900409

    La redazione di AGC si trova in Via Degli Scipioni 252, 00192 Roma (zona Lepanto). Per raggiungerci via metropolitana è sufficiente scendere alla fermata Lepanto linea A (rossa).
Contatti

unnamed

L'India paga gli arretrati all'Iran

INDIA - Nuova Delhi. 25/11/13. A 24 ore dalla sigla degli accordi su nucleare iraniano, l'India ha già dichiarato di essere pronta a trasferire danaro nelle casse iraniane. I raffinatori indiani sono pronti ad iniziare il trasferimento di denaro dovuto per l'acquisto di petrolio iraniano già dalla prossima settimana a seguito dell'accordo per frenare il programma nucleare a Teheran, che consente agli importatori di spostare miliardi di dollari in Iran, a darne notizia l'agenzia di stampa Reuters. Si tratterebbe, dunque, di riscuotere l'arretrato. 

Il nuovo accordo, che l'Iran ha firmato a Ginevra dovrebbe permettere, infatti all'Iran di ricevere circa 4,2 miliardi dollari in soldi  dai conti detenuti all'estero se Teheran soddisfa impegni assunti nell'ambito del contratto per i prossimi sei mesi. La maggior parte del danaro proviene dalla vendita di petrolio. 

I Maggiori acquirenti di petrolio dell'Iran sono Cina, India, Corea del Sud e Giappone. L'India è il secondo più grande compratore iraniano e ora deve a Teheran circa 5,3 miliardi dollari per importazioni di petrolio, secondo fonti del governo.

I Raffinatori dell'India a metà ottobre hanno ricevuto una richiesta da parte del National Iranian Oil Company (NIOC) per risolvere alcuni di questi debiti in euro tramite la banca statale turca Halkbank il più presto possibile. I raffinatori avevano usato quel percorso di pagamento fino a febbraio, quando è stato bloccato dalle sanzioni.

«La prossima settimana, se per noi sarà possibile, comincieremo a fare i nostri pagamenti», ha detto PP Upadhya , amministratore delegato di Mangalore Refinery and Petrochemicals Ltd, uno dei compratori indiani di greggio iraniano.

Al momento dell'inasprimento delle sanzioni, gli USA avevano chiesto nel febbraio agli acquirenti di petrolio dell'Iran di fermare il trasferimento di pagamenti a Teheran, e di tenere il denaro in conti bancari in valuta dei paesi importatori. L'Iran è stato solo in grado di usare quel denaro per acquistare beni e servizi dal paese importatore. Il denaro nei conti è rapidamente salito.

Non è chiaro quanto l'Iran riceverà da ogni Paese per i prossimi sei mesi sotto i termini della transazione. Fonti bancarie e industriali in Corea del Sud e Giappone hanno detto che erano in attesa di dettagli dell'accordo fine settimana prima di poter decidere su come trasferire denaro all'Iran. La Corea del Sud ha 5,56 miliardi dollari bloccati su conti bancari, con un importo simile tenutosi in Giappone dall'inizio dell'anno, secondo le fonti dell'agenzia di stampa inglese

In Cina, Kunlun Bank, di proprietà della China National Petroleum Corp, detiene le quote di petrolio iraniano, ma non si sa quanto debba a Teheran. La Cina è il maggior compratore di petrolio iraniano. 

L'accordo siglato lo scorso fine settimana congela i piani degli Stati Uniti per i tagli profondi alle esportazioni di petrolio iraniano, ma non consente di immettere quantità maggiori di petrolio. Ciò significa che le spedizioni dal membro dell'OPEC ammonteranno 1 milione di barili al giorno, rispetto al livello pre-sanzioni che era a circa 2,5 milioni di barili al giorno. La Cina ha acquistato quasi la metà della produzione di petrolio, seguita da India e Giappone che hanno acquistato circa 194.000 barili al giorno ciascuno. La Corea del Sud ha acquistato 137.000 barili al giorno, mentre la Turchia circa 100.000 barili al giorno.

Le esportazioni iraniane sono state colpite dalle sanzioni dell'Unione europea che sbarravano ogni azienda con sede nella regione da trattare con l'Iran. Non solo, Teheran era scoperta dal mondo delle riassicurazioni, e questo ha frenato il settore petrolifero e il suo sviluppo. Perché non c'erano coperture su petroliere che trasportano petrolio iraniano. A beneficiare dello stop dell'Iran,  l'Afghanistan che immesso sul mercato una enorme quantità di petrolio.

Share this post

Follow Us On

FacebookTwitterTumblrLinkedinGoogleYoutube

AGC rss

AGC Rss AGC Rss
You are here: Home Energia Materie Prime L'India paga gli arretrati all'Iran