AGC

  • MappaLa Sede

    AGC Communication
    Sede Legale: Via Macanno 38/N
    47923 Rimini

    Sede di Roma: Via Degli Scipioni 252, 00192, Roma

     

    Dove Siamo

    I Nostri Recapiti

    Fisso: (+39) 
    Mobile: (+39) 3663960910
    Fax: (+39)

    Email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
    Skype: AGC communication
    P.IVA: 03994900409

    La redazione di AGC si trova in Via Degli Scipioni 252, 00192 Roma (zona Lepanto). Per raggiungerci via metropolitana è sufficiente scendere alla fermata Lepanto linea A (rossa).
Contatti

unnamed

Il flagello dei nostri mari

ITALIA - Roma 04/11/2014. Venti mega pescherecci, che per dimensioni e metodi di pesca sono tra i più distruttivi della flotta europea, esportano la pesca eccessiva in tutti i mari e gli oceani del mondo.

Lo denuncia Greenpeace nel nuovo rapporto "Monster Boats, flagello dei mari".
Tra questi mostri, ci sono navi che utilizzano metodi di pesca distruttivi come i Fad (sistemi di aggregazione per pesci), responsabili della cattura accidentale di migliaia di squali, tartarughe e mante e di specie in pericolo, o che sono stati già coinvolti in episodi di pesca illegale. Alcuni di questi pescherecci sono in grado di catturare oltre 2.000 tonnellate di tonno in una sola battuta di pesca. Greenpeace ha utilizzato una serie di criteri per identificare questi Monster Boat, tra i quali ad esempio la capacità di pesca e di stoccaggio a bordo dei pescherecci, il livello di distruttività degli attrezzi utilizzati, gli impatti ambientali e socio-economici delle attività di pesca, il coinvolgimento in attività di pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (Inn) o in altre attività sospette.
La pesca eccessiva rappresenta un problema globale con allarmanti e indiscutibili conseguenze: recenti dati Fao indicano che il 90 per cento degli stock ittici mondiali sono pienamente o eccessivamente sfruttati. Stessa sorte anche per il nostro Mediterraneo: il 96 per cento delle specie di fondale è soggetto ad uno sfruttamento eccessivo e per gli stock di acque intermedie come la sardina e l'acciuga, la percentuale è pari o superiore al 71 per cento.
Sebbene la flotta italiana non abbia pescherecci così grandi e potenti, anche l'Italia è indirettamente coinvolta in questo sistema di sfruttamento eccessivo. Greenpeace sottolinea che alcuni dei "Monster Boat" analizzati nel rapporto, pescano tonno che potrebbe arrivare anche nelle confezioni di tonno in scatola presenti nel nostro mercato.
Si stima che parte della flotta dell'Unione Europea sia in grado di pescare dalle due alle tre volte al di sopra del limite di sostenibilità. Purtroppo fino ad oggi i ministri hanno favorito l'industria della pesca, fissando livelli di cattura ben oltre i limiti raccomandati dagli esperti scientifici, senza porsi troppi scrupoli per il recupero degli stock ittici. Focalizzando l'attenzione su alcuni dei maggiori responsabili della pesca eccessiva a livello mondiale, Greenpeace chiede ai governi di eliminare l'eccessiva capacità di pesca e di dare un accesso preferenziale ai pescatori artigianali che hanno un basso impatto sull'ambiente, mettendo in pratica quanto previsto dalla nuova Politica Comune della Pesca.

Share this post

Follow Us On

FacebookTwitterTumblrLinkedinGoogleYoutube

AGC rss

AGC Rss AGC Rss
You are here: Home Energia Sviluppo Sostenibile Il flagello dei nostri mari