Introduzione all'Osint e Web Reputation a San Marino

ITALIA - Roma 09/6/13. Il 28 giugno, AGC Communication terrà un seminario di studi presso il Centro Universitario Formazione e Sicurezza dell'Università della repubblica di San Marino. 

 

«Stiamo costruendo la nostra vita attorno alle nostre reti cablate e wireless. La domanda è: siamo pronti a lavorare insieme per difenderli?» Questa domanda campeggia sulla home page dell'unita criminalità informatica del Federal Bureau of Investigation statunitense.

In sostanza dove finiscono le informazioni che ogni giorno ogni persona invia dalla sua postazione? Che ruolo hanno i social network nella nostra vita? Siamo in grado di scindere il virtuale dal reale? Chi legge il nostro profilo Linkedlin che idea si fa di noi? E ancora può una unità di analisi specializzata nell'analisi delle fonti aperte (Open sources intelligence, OSINT) metodologia di ricerca e di analisi di informazioni utilizzata fino a pochi anni fa in maniera pressoché esclusiva dai servizi di intelligence, intercettare i criminali che utilizzano la rete internet? Quali sono le informazioni cruciali per indirizzare le ricerche o indagini? 

A queste domande risponderanno i relatori del seminario organizzato dal Centro Universitario Formazione e Sicurezza in collaborazione con AGC Communication srl, nel seminario che si terrà il 28, dunque si rivolge a chi nelle proprie mansioni quotidiane è "costretto" a dover selezionare, ordinare, interpretare informazioni raccolte sul web. Agli analisti, agenti preposti alle indagini, studenti interessati al mondo dell'intelligence o dell'analisi geopolitica, economico finanziaria. Durante il seminario si affronteranno tematiche legate alle metodologie di ricerca (strumenti utilizzati, software) e alle tecniche (metodologie di indagine) mutiate dal mondo anglosassone. L'appuntamento è rivolto, quindi, a chi nella quotidianità si trova a dover collezionare, organizzare, analizzare una mole di dati raccolti sulla Rete: ricercatori, giornalisti e appartenenti alle forze dell'ordine. 

La locandina dell'evento può essere letta cliccando qui

Share this post