AGC

  • MappaLa Sede

    AGC Communication
    Sede Legale: Via Macanno 38/N
    47923 Rimini

    Sede di Roma: Via Degli Scipioni 252, 00192, Roma

     

    Dove Siamo

    I Nostri Recapiti

    Fisso: (+39) 
    Mobile: (+39) 3663960910
    Fax: (+39)

    Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Skype: AGC communication
    P.IVA: 03994900409

    La redazione di AGC si trova in Via Degli Scipioni 252, 00192 Roma (zona Lepanto). Per raggiungerci via metropolitana è sufficiente scendere alla fermata Lepanto linea A (rossa).
  • Contattaci

    Testo introduttivo di esempio da inserire opzionalmente per AGC communication
    Inserire una mail valida!
Contatti

unnamed

Minsk spera nell'Unicef per sostenere l'infanzia

BIELORUSSIA - Minsk. 04/02/15. In corso presso la sede delle Nazioni Unite a New York, la prima sessione ordinaria del Consiglio esecutivo del Fondo delle Nazioni Unite (UNICEF).

Share this post

Leggi tutto: Minsk spera nell'Unicef per sostenere l'infanzia

Metropolitana francese per Baku

AZERBAIJAN - Baku. 18/10/14. Saranno i francesi di Bouygues Travaux Publics a costruire il nuovo tunnel 28 maggio, stazione metropolitana di Baku. L'accordo è stato firmato dal Presidente della Metro di Baku, Zaur Huseynov e il Direttore Esecutivo di Bouygues Travaux Publics, LLS per Relazioni Internazionali Jean-Denys Arnal. Fonte Trend.

Share this post

Leggi tutto: Metropolitana francese per Baku

Turkmenistan: finisce il regime a partito unico

Un secondo partito politico è stato creato in Turkmenistan ponendo così fine ad oltre due decenni di regime a partito unico.

Share this post

Leggi tutto: Turkmenistan: finisce il regime a partito unico

Il Caucaso nel mirino russo

Prosegue la politica di controllo russa sul Caucaso, attraverso le continue pressioni politiche ed economiche in Armenia, le esercitazioni militari in Abkhazia e Ossezia del Sud ai danni della Georgia e la campagna anti-corruzione in Kabardino-Balkaria. La Russia ha da sempre visto il Caucaso come parte del proprio territorio persa dopo la caduta dell'Unione Sovietica nel 1991 e ha cercato di riavvicinarsi e mantenere la propria influenza sulla regione con una politica che oscillava negli anni dagli accordi economici alle azioni militari. Ultimamente Mosca si è mostrata più aggressiva nei confronti del Caucaso, in special modo nella parte occidentale dove le repubbliche autonome vengono considerate da sempre ancora “oblast” (regioni) della Russia e dove le risorse naturali e turistiche hanno richiamato gli investimenti stranieri.

Share this post

Follow Us On

FacebookTwitterTumblrLinkedinGoogleYoutube

AGC rss

AGC Rss AGC Rss